mercoledì 24 ottobre 2012

Le ultimarie del PD


Per fortuna non ho il problema di votare alle primarie del PD, ma a chi intendesse spendere due euro per il partito e dilaniarsi nel dilemma Matte/oRenzi o PierluigiBersani o ParaVendola o Kittammuort, suggerirei di leggersi prima qualche brano della Carta d'Intenti, dei dieci piani di scelleratezza della coalizione di presunto centrosinistra. Ovvero del contratto capestro che chi oserà votare per le primarie del Partito Bestemmia dovrà sottoscrivere con una goccia di sangue, l'amputazione del mignolo e la promessa futura della cessione del secondo canale ad vitam e ad libitum.

Riprendo da Piovonorane di Alessandro Gilioli, al quale rimando per i condivisibili e fin troppo urbani commenti a questa boiata infame:
«Le forze della coalizione [PD, SeL e PSI, ndr], in un quadro di lealtà e civiltà dei rapporti, si dovranno impegnare ad assicurare la lealtà istituzionale agli impegni internazionali e ai trattati sottoscritti dal nostro Paese, fino alla verifica operativa e all’eventuale rinegoziazione degli stessi in accordo con gli altri governi; (…) ad appoggiare l’esecutivo in tutte le misure di ordine economico e istituzionale che nei prossimi anni si renderanno necessarie per difendere la moneta unica».
A me basterebbe questo paragrafo per rovesciargli il tavolino e mandarli tutti affangala. Per chi non avesse capito bene, questi disgraziati, che hanno firmato l'unconditional surrender a bordo della portaerei Europa, ci obbligano ad ingoiare a cucchiaiate il fiscal compact, ovvero la nostra condanna a morte come paese avanzato. Il fiscal compact che vieta per legge qualsiasi politica economica diversa dal liberismo menemiano dei Chicago boys, ed è un atto di sottomissione alla globalizzazione, l'adesione allo shibari dell'euro, al legame a nodi scorsoi alla moneta unica. E per farlo sono disposti ad allearsi con chiunque, anche con il Diavolo, se occorre. Con la destra, non ne parliamo.

Ma c'è dell'altro nella Magnamagna Carta. Ci sono le solite supercazzore prematurate con scappellamento di Sistina come fosse Fanfani sui diritti civili - volute dalla preta Bindi, e alcuni colpi ben assestati alla Costituzione e alla democrazia (rimando sempre a Gilioli per il dettaglio).
Curioso, ma non troppo; la Bindi si appella alla Costituzione (a sproposito) quando vuole impedire la legalizzazione delle unioni gay ma se ne dimentica quando si tratta di questioni ancor più fondamentali come le regole democratiche e di rappresentatività del popolo. Basti vedere come verrà aggirato, pulendosi con la Carta, il vincolo di mandato.

Questa coalizione non ha un programma perché il programma è quello di Monti, il salvataggio dell'Italia dalle grinfie di J. Maynard Keynes. Visto che si tratta solo di eseguire gli ordini, qualunque scherano andrebbe bene, anche l'autista della Finocchiaro o lo stesso Mario Monti. Eppure i piddini grigi, che non sono per niente choosy visto che si litigano a borsettate un posto da boia, sono indecisi da morire se la mannaia la debba impugnare il segretario allo gnocco fritto o il Bischerenzi o qualcun'altro purchessia.
L'avete udito il Matte/oRenzi parlare delle regole delle primarie ed appellarsi al garante della privacy minacciando le carte bollate. Ha paura di perdere i voti dei bimbiminkia. Ha paura che il bottegone faccia vincere il segretario. (Ma quando mai!)
Mica si scandalizza per i contenuti ultraliberisti da tea party della Carta degli intenti. Lui e Bersani condividono lo stesso programma, quindi di quali primarie, di quale competizione, di quali differenze stiamo parlando? 

Termino con Pietro Ichino, grande consigliere di Renzi.
“Considerare la finanza come cattiva, come la responsabile della crisi economica globale equivale a dimenticare che senza finanza lo stato non avrebbe neppure potuto prendere il denaro a prestito nei mercati internazionali, e che quindi non avrebbe potuto praticare quelle politiche keynesiane (??!) che gli stessi Bersani e D’Alema indicano come necessarie e salutari. Perciò mi chiedo se in questa polemica contro la ‘finanza cattiva’ non torni fuori  quell’antica concezione manichea della sinistra che da una parte mette la operosa e buona classe operaia, mentre dall'altra la classe borghese rapace e sempre a caccia di rendite. Una polemica che, se fosse in questi termini, trasformerebbe il Pd in una creatura politica più antica di quello stesso Pci che aveva tentato di mandare in soffitta queste differenze."
(Non ho bisogno di ricordare che i prestiti dai mercati internazionali si traducono in interessi da restituire, non sono a fondo perduto, come i bonifici alle Olgettine).
Insomma, esorta Ichino, che la sinistra la smetta di essere sinistra così sarà perfetta. Non è meraviglioso tutto ciò?

13 commenti:

  1. Cara amica Lameduck,

    ho notato che tu parli di Keynes come se fossimo negli anni '60.

    Poiche tu sei nata nel 1960 come me, sai benissimo di tutta la dicussione che c'è stata su Keynes negli anni '70 e '80. In Italia in particolare, per via della stagflazione in cui caduta, c'è stato un grande dibattito sulla curva di Phillips.

    Ora che tu riproponga Keynes dimenticandoti la curva di Phillips
    lo trovo senza senso.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  2. Davide, negli anni 70 e 80 ha predominato il liberismo di Friedman. E si è visto.

    RispondiElimina
  3. Cara amica Lameduck,


    "Davide, negli anni 70 e 80 ha predominato il liberismo di Friedman. E si è visto."

    Ho solo una domanda: cosa c'è di sbagliato nelle critiche che Milton Friedman ha fatto alla curva di Phillips?


    Ciao Davide

    RispondiElimina
  4. Cara amica Lameduck,



    "Per Milton Friedman c'è una correlazione di breve termine tra shock inflativi e occupazione. Quando una sorpresa inflazionistica si verifica, i lavoratori sono spinti ad accettare comunque una paga più bassa perché non si rendono conto immediatamente della perdita di potere d'acquisto dei salari (quindi della caduta del salario reale). Le aziende li assumono perché ritengono che l'inflazione permette maggiori profitti a parità di salario nominale. Abbiamo così un movimento lungo la curva di Phillips come nel cambiamento "A". A un certo punto, i lavoratori si accorgono che i salari reali sono scesi, per cui spingono per salari più alti. Questo causa uno spostamento della curva di Phillips verso l'alto e verso destra, come nel cambiamento "B"."

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  5. Cara amica Lameduck,

    "Tuttavia nel 1970, molti Paesi sperimentarono elevati livelli di inflazione e disoccupazione, fenomeni noti con il termine di stagflazione. Le teorie basate sulla curva di Phillips non erano quindi in grado di giustificare tale osservazione, e la curva di Phillips divenne oggetto di attacchi da parte di un gruppo di economisti, capeggiato da Milton Friedman, secondo i quali l'evidente fallimento delle politiche basate sulla curva richiedesse il ritorno a politiche economiche non interventiste, di libero mercato. Di conseguenza, l'idea che sussistesse una relazione semplice, prevedibile e persistente tra inflazione e disoccupazione fu abbandonata da gran parte dei macroeconomisti."

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  6. Davide, mi nomini Friedman, che spero stia all'inferno, sodomizzato da un enorme moltiplicatore keynesiano.

    RispondiElimina
  7. Cara amica Lameduck,

    "Davide, mi nomini Friedman, che spero stia all'inferno, sodomizzato da un enorme moltiplicatore keynesiano."

    Poichè Dio è infinitamente buono, nessuno andrà all'Inferno, perchè andremo tutti in Purgatorio.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  8. Cara amica Lameduck,

    Non mi hai risposto sulla la curva di Phillips.


    Ciao Davide

    RispondiElimina
  9. La curva di Phillips? E che sono, un economista?

    RispondiElimina
  10. Cara amica Lameduck,

    "La curva di Phillips? E che sono, un economista? "

    Se studi la curva di Phillips capirai che le politiche keynesiane non sono molto efficaci in questa situazione. Naturalmente ciò non vuol dire che lo siano quelle monetariste. In pratica in questo momento nessuno sa bene cosa fare per uscire dalla crisi.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  11. Anonimo15:14

    A Davide? Vabbè che la disoccupazione è brutta.. ma trovate n'altro lavoro!!!

    RispondiElimina
  12. Caro davide:
    Milton Friedman chi???
    Friedman
    (e ora rileggiamo insieme a voce alta il post di Lameduck..., anzi io salto: devo andare in bagno)

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...